Aggiornare il mio calendario è una cosa che proprio mi piace tanto.
Specialmente se posso usare un sacco di colori.

Quindi, come primo Giovedì Giada di marzo, ripercorriamo il mio Febbraio!
Dai! Su! Entusiamo!!!

2 Febbraio – Ho dato la seconda parte di Scienze delle Finanze, esame con un coefficiente di panico piuttosto basso, per lo più scritto, che sono riuscita a fare direi bene e di cui sono felice quindi yay!
La sera stessa sono andata a fare la bigliettaia alla partita di basket
Cantù – Maccabi. Bigliettare è una cosa che faccio già da qualche mese e in genere è un lavoro molto noioso perché si è venuto tutto in prevendita e non c’è niente da fare ma questa è stata la serata più divertente di tutte dato che c’era un sacco di gente che parlava soltanto ebraico e capirsi era un’impresa! Inoltre il capo della sicurezza del Maccabi era scemissimo! Ha tamponato con una cinquecento a noleggio il pullman su cui viaggiava la squadra facendo un botto della miseria e disseminando il terrore tra i giocatori che pensavano di essere vittime di un attentato. Hilarious!

Segue uno sbilenco conto alla rovescia

15 Febbraio – Eccolo, l’evento nero, il neo sul mio bel febbraio allegro.
L’esame dal coefficiente di panico più alto del mondo di cui ho tristemente dovuto rifiutare il voto…perché sì.
Ci sono due reazioni a questo: 1) che ambiziosa! 2) che menosa!
Non penso di essere nessuna delle due: sono semplicemente rimasta delusa dalla mia incapacità di esporre per bene le cose che in fondo sapevo e dato che io la parlata ce l’ho mi è girato tantissimo e ho preso la decisione che ho preso.
Ci vediamo il 2 maggio, Privato e se riesci, vedi di morire prima di quella data.

20 Febbraio – ultimo esame del semestre dal coefficiente di ansia medio, diminuito dal fatto che avevo alle spalle il bel voto del parziale.
Peccato solo che in lista fossi la 176esima, il che mi ha portato ad aspettare per tre ore e mezza un esame che è poi durato meno di cinque minuti e in cui non ho nemmeno potuto dire l’espressione più bella che il libro contenesse.
Ditemi voi se Interdictum de Superficiebus non sa troppo di magia nera!

24 Febbraio – Serata con i miei vecchi compagni di scuola!
Molti si potrebbero chiedere “perché?” ma la risposta è presto detta: stranamente siamo sempre andati un sacco d’accordo e quindi anche se sono passati solo sei mesi avevamo troppa voglia di rivederci!
Certo, alcune tensioni c’erano: tra gente che stava insieme e si è lasciata e gente che stava insieme di nascosto (per dirla in bel modo) e adesso non più. Ci si è comportati in perfetto stile Wisteria Lane: fai finta di niente e raccontami del tuo nuovo lavoro OMG!
Per una che non ha mai avuto problemi con nessuno e tanto meno scottanti segreti da nascondere, è stata una bella serata.

25 Febbraio – EVENTO RE DEL FEBBRAIO, ANZI DELLA STAGIONE!!!
Non sto esagerando, avere la possibilità di passare una giornata con due dei Rangers è stata tra le migliori cose di sempre. Peccato solo per quello sstupido carnevale ambrosiano che inizia dopo e che dissemina Milano di bambini armati di coriandoli e stelle filanti. (scherzo, i coriandoli sono carini)
L’anno prossimo tornerò con le mie bolle di sapone e vedremo (scherzo, col cazzo che ci ritorno!). Ci sarebbero così tante cose da scrivere a riguardo che non ne scrivo nessuna e mi limito a dire che una Power Reunion è da ripetere asap e basta.

26 Febbraio – Segno questo evento sul calendario solo perché ogni anno mi riprometto di guardare tutti i film candidati come Best Picture prima della cerimonia e puntualmente non ci riesco mai. Nemmeno quest’anno come possiamo vedere dall’allegato # 2, il post-it giallo.

28 Febbraio – Riprendono le lezioni. Questo semestre ho quattro corsi: diritto costituzionale, storia del diritto medievale e moderno, filosofia del diritto e diritto privato modulo B.
Proprio oggi è venuta ad inaugurare il corso di Costituzionale quella che avrebbe dovuto tenerlo se non fosse stata nominata giudice della Corte Costituzionale! Che bella cosa! *occhi a cuore*

Questo il mio febbraio, spero in un Marzo in salita con lo spirito che hanno i salmoni nel risalire la corrente. Starò attenta agli orsi, lo giuro.

Allegato #1 – Una delle mie frasi preferite che proviene da una canzone dei già innumerevolmente citati Noah and the Whale.
L’ho scritta sul post-it verde un sacco di tempo fa e continuo a staccarlo e attaccarlo man mano che passano i mesi perché rappresenta proprio un concetto che adoro: il desiderio di essere presi per mano non fa di noi persone deboli o fragili.

Allegato #3 – Memo di un concerto a cui vorrei andare ma ancora non lo so.
Viene a suonare a Milano Tyler Ward (uno youtuber americano che seguo da almeno un anno e mezzo, da quando ha pubblicato la cover di Slow Dancing in a Burning Room)

Update dell’ultima ora: data la diversa struttura della mia settimana, questo semestre la giornata coda-di-cavallo verrà spostata da mercoledì al giovedì.
Come aggiungere del fantastico al fantastico.

Annunci